foto grado lagunafoto © gianluca baronchelli
foto grado lagunafoto © gianluca baronchelli
foto grado lagunafoto © gianluca baronchelli
foto grado lagunafoto © gianluca baronchelli
foto grado lagunafoto © gianluca baronchelli
foto grado lagunafoto © gianluca baronchelli
foto grado lagunafoto © gianluca baronchelli
foto grado lagunafoto © gianluca baronchelli
foto di Grado foto di Grado foto di Grado foto di Grado foto di Grado foto di Grado
divisorio verticale nero
Benvenuti nell'Albergo diffuso di Grado.

La laguna di Grado è uno dei luoghi più incantevoli dell’intero Adriatico.

Navigare fra i canali, che circondano le duecento isole, è un’ esperienza emozionante.

Il silenzio appena rotto dallo sciabordio dell’acqua si accompagna allo spettacolo del volo dei gabbiani e delle rondini di mare, nella luce dorata del tramonto.

Ecosistema fragile ma ricco di fauna e di essenze arboree, la laguna gradese è la preziosa custode di due riserve naturalistiche, la valle Cavanata, una zona umida che conta la presenza di ben 260 specie di volatili migratori, e la riserva della Foce dell’Isonzo, che comprende gli ultimi 15 km del fiume prima del suo arrivo al mare.

La natura si mescola, fra questi specchi d’acqua, in maniera unica con la storia e la tradizione.

Questi luoghi, infatti, furono frequentati dai naviganti dai tempi dell’epoca romana, come testimoniano i numerosi reperti archeologici ritrovati, e lo furono fino al Novecento, quando la pesca era ancora una risorsa economica per la maggior parte della popolazione locale.

News